All Posts By

Admin

Nuova Scuola di Canto Corale per Voci Bianche

By | News
L’Accademia Musicale Dodekachordon e il Coro “Marc’Antonio Ingegneri” di Verona presentano:
NUOVA SCUOLA DI CANTO CORALE PER VOCI BIANCHE
riservata a bambini/e e ragazzi/e dai 4 ai 12 anni.
*****
L’iniziativa è frutto di un progetto al quale l’Accademia sta lavorando da anni ed ora siamo pronti per iniziare questa nuova avventura.
Lo scopo è quello di avvicinare i giovanissimi alla meravigliosa arte del canto corale con una formula che coniugherà l’apprendimento con il divertimento e permetterà loro di imparare ad usare correttamente lo strumento musicale naturale: la voce.
Il progetto è coordinato dal maestro Matteo Valbusa ed è affidato alle mani della giovane soprano Alice Fraccari, brillantemente laureatasi in Canto Rinascimentale e Barocco al Conservatorio “F. Bonporti” di Trento.
Le lezioni, della durata di un’ora ciascuna, avranno indicativamente inizio martedì 15 ottobre 2019; avranno cadenza settimanale (il martedì con orario 17.00-18.00 e 18.00-19.00) e si terranno nella sede dell’Accademia Musicale Dodekachordon sita nell’auditorium dell’Istituto Sorelle della Sacra Famiglia in Via Fontane di Sopra n. 2 a Verona.
La prima lezione è GRATUITA e permetterà al docente di capire il livello di interesse e le potenzialità degli allievi.
Per informazioni e iscrizioni occorre contattare:
  • Piergiorgio Bellamoli (presidente) al 320 488 0189
  • Silvia Benedetti (segretaria) al 349 821 8486
  

Il “Marc’Antonio Ingegneri” al prossimo Festival VOCE!

By | News

27.07.2019 - Festival corale internazionale VOCE, Bosco Chiesanuova (VR)Il Coro “Marc’Antonio Ingegneri” è stato inserito nel cartellone della XVI edizione del Festival corale internazionale “VOCE!”, organizzato dall’Associazione musicale Ecclesia Nova in collaborazione con la Parrocchia ed il Comune di Bosco Chiesanuova, divenuto ormai appuntamento tradizionale della ‘capitale’ della Lessinia.

Dal 26 al 28 luglio prossimi una quindicina di coristi parteciperanno all’Officina Corale, un interessante stage per cori, direttori e cantori con quattro super-docenti del calibro di Manolo Da Rold, Francesco Grigolo, Maurizio Sacquegna e Matteo Valbusa.

Sabato 27 luglio alle ore 21:00 nella Chiesa parrocchiale di Bosco Chiesanuova si terrà un concerto con quattro gruppi corali:

CORALE ZUMELLESE di Mel (BL)
direttore: Manolo Da Rold

GRUPPO CORALE DI BOLZANO VICENTINO
direttore: Francesco Grigolo

GRUPPO VOCALE NOVECENTO di San Bonifacio (VR)
direttore: Maurizio Sacquegna

CORO “MARC’ANTONIO INGEGNERI” di Verona
direttore: Matteo Valbusa

Vi aspettiamo per godere assieme dell’ottima musica con cori e direttori d’eccezione nella fresca Bosco Chiesanuova!

Rinnovo del Consiglio Direttivo 2019-2022

By | News

Nell’Assemblea dei soci tenutasi martedì 18 Giugno si sono svolte le elezioni per il rinnovo del Consiglio Direttivo che hanno visto la riconferma per un altro triennio di Piergiorgio Bellamoli alla presidenza dell’Accademia Musicale Dodekachordon.
Durante la stessa serata è stato compiuto un passo importante a livello associativo con l’approvazione del nuovo Statuto sociale che annulla e sostituisce il precedente. Il nuovo documento si è reso necessario per allineare l’Accademia agli standard di Legge imposti dal Decreto Legislativo 117/2017 in forza del quale ha ora acquisito lo status di Associazione di Promozione Sociale.
Il nuovo Statuto è già online sulla pagina dedicata.

Al nuovo Consiglio Direttivo gli auguri di Buon Lavoro!

DODEKANTUS: reportage di un successo

By | News

Il Coro Giovanile Italiano esibitosi nella seconda serata del Festival

Con il concerto del Gruppo Vocale Novecento di domenica 9 Giugno scorso, si è chiusa in bellezza quella che si desidera definire –  con buon augurio – la prima edizione del festival della vocalità DODEKANTUS.
I membri del direttivo dell’Accademia Dodekachordon hanno lavorato alacremente per l’organizzazione e la riuscita di questo importante Festival: “…è stata una fatica complessa – afferma Stefano in un post sul suo profilo Facebook – ma ne valeva la pena. Siamo un gruppo che non si perde mai d’animo, abbiamo fame di musica e di bellezza, e ci piace crearle, non solo fruirne!”.
Tre appuntamenti nei quali il numeroso pubblico presente, nonostante una situazione meteorologica molto sfavorevole, ha potuto ammirare ed ascoltare tre formazioni corali di assoluto riferimento che hanno offerto ciascuna un saggio di alto livello, ma soprattutto tanta CULTURA.
Il Coro “Marc’Antonio Ingegneri”, che celebra quest’anno il 40° anniversario della sua fondazione, ha aperto la manifestazione esibendosi assieme all’orchestra “Interpreti Italiani” nella prima veronese del Dixit Dominus RV 807 di Antonio Vivaldi, opera attribuita solo nel 2005 al celebre musicista e compositore veneziano, e nelle successive due serate ha introdotto i cori ospiti con l’esecuzione di alcuni brani a cappella tratti dal proprio repertorio.
Notevole impressione hanno suscitato per bravura, competenza e alto livello esecutivo il Coro Giovanile Italiano, diretto dai maestri Luigi Marzola e Carlo Pavese, e il Gruppo Vocale Novecento. Il primo è stato a ragion definito dal maestro Matteo Valbusa la ‘nazionale dei cori italiani’ in quanto composto da elementi molto giovani e selezionatissimi, provenienti da ogni parte d’Italia e avviati alla carriera professionale in campo musicale. Il ‘Novecento’ è la creatura del giovane maestro Maurizio Sacquegna che, con un certosino lavoro che porta avanti da una quindicina di anni, ha saputo riunire attorno a sé una quarantina di selezionati ed appassionati coristi di San Bonifacio e dintorni facendoli crescere artisticamente e portandoli ad un livello di prim’ordine.

Il Gruppo Vocale Novecento nella chiesa inferiore di San Fermo

Alla fine di una manifestazione del genere si è soliti redigere un bilancio, annotando qualche dato, mettendo in risalto ciò che di buono è stato fatto e facendo luce sugli aspetti da migliorare… e questo bilancio è decisamente positivo, al di là delle più rosee previsioni!
I numeri danno sicuramente ragione agli organizzatori, riconoscendo loro il giusto merito del successo riscosso dal Festival assieme alle critiche ammirate del pubblico…

  • tre cori e un’orchestra per un totale di circa 120 artisti alla ribalta;
  • tre opere complete, un concerto strumentale e 24 canti eseguiti;
  • un pubblico che ha toccato le 1500 presenze complessive nelle tre serate;

…e alla vicinanza delle autorità intervenute:

  • Orietta Salemi, consigliere regionale della Regione Veneto;
  • Francesca Briani, assessore alla Cultura del Comune di Verona;
  • Daniela Drudi, consigliere comunale del Comune di Verona e presidente della Commissione Consiliare per le Politiche Culturali;
  • Alessandro Raschi, presidente dell’Associazione per lo Sviluppo delle Attività Corali del Veneto (ASAC).

Tre serate da sold out, quindi, svoltesi oltretutto nella suggestiva cornice romanico-gotica del complesso di San Fermo a Verona, grazie anche allo spirito di ospitalità che anima il parroco don Maurizio Viviani, dimostratosi persona sensibile e disponibile, che il direttivo dell’Accademia Dodekachordon intende ringraziare pubblicamente di tutto cuore.

Arrivederci all’anno prossimo, Dodekantus!

Il Coro “Marc’Antonio Ingegneri” e l’Orchestra “Interpreti Italiani” diretti da Matteo Valbusa nel concerto d’apertura del Festival Dodekantus

DODEKANTUS, festival della vocalità

By | News

Ormai ci siamo… manca poco!
Era da tempo che tra i membri del Direttivo dell’Accademia Musicale Dodekachordon aveva preso forma l’idea di organizzare a Verona una manifestazione dedicata alla musica corale. Un festival di alto livello sia nell’ambito amatoriale che professionistico, con una serie di concerti che potessero dare modo al pubblico veronese di incontrare alcune tra le migliori realtà musicali italiane ed internazionali nella nostra Città.
L’idea si è di fatto concretizzata con l’occasione di festeggiare degnamente il 40° compleanno del Coro “Marc’Antonio Ingegneri”, fondato a Verona dal prof. Arnaldo Petterlini nella primavera del 1979 e considerato un’autentica istituzione nell’ambito della coralità veronese; un coro che, pur non composto da professionisti, ha abbracciato fin dai suoi esordi una rigorosa filosofia: professionalità anche nell’essere amatori.
Nasce così DODEKANTUS, incontro di realtà corali, omaggio alla musica prodotta dal suono del primo e più antico strumento: la voce umana.
Sotto la direzione artistica del maestro Matteo Valbusa il festival propone tre serate corali con il concerto inaugurale affidato al nostro Coro “Marc’Antonio Ingegneri” che in occasione del suo 40° anno di attività eseguirà per la prima volta a Verona un vivaldiano Dixit Dominus di recente scoperta; saranno poi ospiti del festival il premiatissimo “Gruppo Vocale Novecento” ed il “Coro Giovanile Italiano”, autentico orgoglio della coralità nazionale.
Di seguito gli appuntamenti da segnare in agenda:

Sabato 18 maggio 2019, ore 20,45 – Chiesa superiore di San Fermo Maggiore, Verona
Coro “Marc’Antonio Ingegneri” e Orchestra “Interpreti Italiani”
Matteo Valbusa, direttore

Sabato 25 maggio 2019, ore 20,45 – Chiesa superiore di San Fermo Maggiore, Verona
Coro Giovanile Italiano
Luigi Marzola e Carlo Pavese, direttori

Domenica 9 giugno 2019, ore 20,45 – Chiesa inferiore di San Fermo Maggiore, Verona
Gruppo Vocale Novecento
Maurizio Sacquegna, direttore

Crediamo sempre molto in tutto ciò che realizziamo e siamo certi che il nostro impegno porterà valore aggiunto alla Musica corale ed alla nostra Città.

Buona Musica a tutti!

 

40 anni di musica

Il Coro “Marc’Antonio Ingegneri” festeggia 40 anni di musica!

By | News

Con l’arrivo del 2019 il Coro “Marc’Antonio Ingegneri” taglia l’importante traguardo del 40° anniversario della sua fondazione.
Corre l’anno 1978 quando dalla Polifonica Veronese, una grande compagine corale diretta dal M° Vittore Remelli, si distacca un piccolo gruppo di coristi, perlopiù di giovane età, che sotto la guida del  M° Arnaldo Petterlini, professore di Filosofia a Ca’ Foscari e poi all’Università di Verona, inizia un percorso parallelo di crescita musicale attraverso lo studio della musica profana antica.
Questo gruppo di coristi si trova a provare in centro città a casa del M° Petterlini e nella primavera del 1979, quando si presentano le prime occasioni per esibirsi in pubblico, il maestro propone di intitolare il neonato coro a Marc’Antonio Ingegneri, illustre compositore veronese del secondo Cinquecento, poco conosciuto in epoca moderna ma molto famoso ed apprezzato ai suoi tempi sia per la sua produzione sacra e profana, sia per essere stato maestro del celebre Claudio Monteverdi. Un nome ‘impegnativo’ quello di Ingegneri, che porta spesso molti profani a credere che sia in realtà il coro di una categoria professionale (ingegneri, appunto!); non mancano perciò esilaranti ‘siparietti’ equivoci come all’inizio di uno dei primi concerti nella chiesa inferiore di San Fermo, dove don Furri prende il microfono introducendo: “Abbiamo qui con noi questa sera il coro ‘muratori’…”!!

Fine anni '90

Il Coro “Marc’Antonio Ingegneri” alla metà degli anni ’90

Ovunque vada, il coro si fa apprezzare per la preparazione, la tecnica e l’ottimo livello esecutivo affiancando al canto profano pagine di musica sacra antica. Dopo gli iniziali impegni ‘locali’, viene richiesto spesso e volentieri oltre i confini veronesi, guadagnandosi in breve tempo stima ed ammirazione tanto che i suoi concerti vengono spesso patrocinati dall’Associazione Veneta Amici della Musica con la quale il coro veronese collaborerà per oltre vent’anni.
Gianni e Tiziana, che tuttora cantano nel coro fin dalla sua fondazione, ricordano con precisione le tappe iniziali del “Marc’Antonio Ingegneri” e le numerose esibizioni fino ad un temporaneo ‘stop’ nella prima metà degli anni ’90 dovuto a motivi di lavoro del maestro.
Dopo vent’anni di appassionata guida e di una nutrita attività concertistica, nel 1999 Arnaldo Petterlini cede la bacchetta di direttore al figlio Giovanni, diplomatosi brillantemente qualche anno prima in pianoforte al Conservatorio “E.F. Dall’Abaco” di Verona ed avviato alla carriera in campo musicale.
Il nuovo maestro si adopera fin da subito per ampliare il repertorio e per innalzare ulteriormente il livello tecnico del gruppo con lo scopo di arrivare ad eseguire grandi pagine di musica sinfonico-corale.
Per sostenere l’attività del coro ed organizzare concerti ed eventi di elevato spessore, nel 2004 si costituisce in seno al gruppo corale l’associazione denominata “Accademia Musicale Dodekachordon”, retta da un consiglio direttivo presieduto da Piergiorgio Bellamoli.
Nel 2006 il Coro parte alla volta di Roma per partecipare alla 12.a edizione del TIM – Torneo Internazionale di Musica, portandosi a casa il primo premio della giuria; l’anno successivo si classifica in seconda posizione alla 42a edizione del Concorso Nazionale Corale “Città di Vittorio Veneto”, vincendo comunque il premio speciale quale miglior coro veneto iscritto alla manifestazione.
Il paziente lavoro del giovane maestro e il costante impegno dei coristi iniziano pian piano a dare i loro frutti ed il “Marc’Antonio Ingegneri” comincia ad esibirsi sempre più spesso con un organico orchestrale che lo porta ad eseguire concerti prestigiosi per l’Accademia Filarmonica di Verona e per la rassegna Musica e Arte Sacra, ma anche per manifestazioni in altre città dell’Italia Settentrionale, avviando nel contempo una significativa collaborazione con l’orchestra dei Virtuosi Italiani.

2008

Concerto di Natale 2008 a Peschiera del Garda

La strada è tutta in salita, ma piena di successi e soddisfazioni grazie all’approfondito studio e alle esecuzioni di alcune delle pagine più significative del repertorio sacro barocco e classico: fra queste il Gloria RV 589 e il Magnificat RV 610 di Antonio Vivaldi; il Magnificat BWV 243 e la Missa Brevis BWV 235 di J. S Bach; tutte le pagine fondamentali di W.A. Mozart: Große Messe in c-Moll K 427, Krönungsmesse K 317, Missa brevis K 65, Requiem K 626, Vesperae solemnes de confessore K 339; il Requiem di Fauré, il Dettingen Te deum HWV 283 di G.F. Händel… e molte altre.
In tutto questo tempo è diventata impresa pressoché impossibile contare le esibizioni in pubblico che hanno toccato oltretutto numerose città. Oltre a Verona, battuta in lungo e in largo e dove il coro si è esibito nelle maggiori chiese cittadine (Duomo, San Zeno, Sant’Anastasia, San Fermo, San Bernardino, San Tomaso…), il “Marc’Antonio Ingegneri” ha dato concerti nelle città e centri minori di Milano, Torino, Venezia (nella vivaldiana Chiesa della Pietà), Trento, Bolzano, Como, Brescia, Mantova, Vicenza, Belluno, Treviso, Padova (nello scenografico auditorium ‘Pollini’), Rovigo, Mestre, Udine, Pordenone, Macerata e Viterbo, spingendosi a sud fino a Roma, dove ha avuto l’onore di cantare nella Sala Accademica del Pontificio Istituto di Musica Sacra, e a nord fino a Stuttgart in Germania.
Nel 2014, dopo quindici anni di successi, Giovanni Petterlini lascia la direzione del coro e gli subentra quasi immediatamente l’alense Luigi Azzolini, docente al Conservatorio “C. Monteverdi” di Bolzano e rinomato violista, cofondatore dell’orchestra dei Virtuosi Italiani, nonché direttore del Coro Polifonico Castelbarco e dell’Ensemble Vocale Continuum. Azzolini guiderà il coro per tre anni eseguendo, tra le altre, partiture insolite come la Lauda per la Natività del Signore di Ottorino Respighi e lo Stabat Mater D383 di Franz Schubert.
Dopo una breve parentesi del veronese Paolo Facincani, con il quale il coro ha eseguito la prima nazionale del Magnificat di John Rutter nella trascrizione di Paul Noble, dal febbraio 2018 le redini del “Marc’Antonio Ingegneri” sono nelle mani del M° Matteo Valbusa che nell’ottobre 2018 ha diretto un’acclamatissima Petite Messe Solennelle di Gioachino Rossini nell’ambito della XXVII edizione del Settembre dell’Accademia, in una basilica di San Zeno al limite della capienza.
Sotto la guida di questo giovane maestro il “Marc’Antonio Ingegneri” si appresta a celebrare degnamente i suoi ‘primi’ quarant’anni di attività.
Come? A breve verrà reso noto un progetto al quale il consiglio direttivo dell’Accademia Dodekachordon sta lavorando da mesi.
Stay tuned!

Una delle prime immagini del Coro "Marc'Antonio Ingegneri" nella chiesa inferiore di San Fermo a Verona. Nel riquadro il maestro Arnaldo Petterlini.

Una delle primissime immagini del neonato Coro “Marc’Antonio Ingegneri” scattata all’inizio degli anni ’80 nella chiesa inferiore di San Fermo a Verona. Nel riquadro il maestro Arnaldo Petterlini.

Aula Magna dell'Università di Macerata, maggio 1999

Aula Magna dell’Università di Macerata, maggio 1999

Nel 2004 in Sala Maffeiana in occasione del concerto per il 25° anniversario di fondazione

Nel 2004 in Sala Maffeiana in occasione del concerto per il 25° anniversario di fondazione

Concerto di Natale 2007 nel duomo di Desenzano

Trento, gennaio 2010: “Un concerto per la città”

Concerto di Natale con i “Virtuosi Italiani” a Verona nella chiesa di San Fermo Inferiore, dicembre 2014

Un’immagine del concerto tenuto nell’antica chiesa di S. Maria a Piè di Chienti in provincia di Macerata, dicembre 2018

 

FuoriAulaNetwork: intervista a Matteo Valbusa

By | News

Nello scorso mese di ottobre il maestro Matteo Valbusa ha rilasciato un’intervista radiofonica ai microfoni di FuoriAulaNetwork, la web radio dell’Università di Verona, all’interno del format ‘Dal mezzobusto In Giù‘.
Tema della discussione è stata la Petite Messe Solennelle di Gioachino Rossini che sarebbe stata di lì a poco eseguita dal Coro “Marc’Antonio Ingegneri” nella basilica di San Zeno a Verona.
In poco più di un quarto d’ora Matteo Valbusa ha parlato della sua attività di maestro di coro e dell’affascinante strumento della voce umana, trattando inoltre vari aspetti peculiari della vita dei cori, per arrivare poi a descrivere un po’ di storia del grande Gioachino Rossini, nel 150° anniversario della sua morte, e della sua celebre ‘piccola’ messa con l’ascolto dell’Agnus Dei. Un’autentica lezione di musica.
Si ringraziano Andrea Diani e Mirko Gragnato di FuoriAulaNetwork per la gentile concessione.

Buon ascolto!

Coro “Marc’Antonio Ingegneri”: un bilancio del 2018

By | News | No Comments

Matteo ValbusaSi chiude il 2018 e per l’Accademia Musicale Dodekachordon ed il Coro “Marc’Antonio Ingegneri” è tempo di bilanci.
Un’annata senz’altro positiva ed intensa che ha visto ad inizio anno il coro impegnato nell’esecuzione del Magnificat di John Rutter e successivamente l’arrivo del maestro Matteo Valbusa, che ha preso il posto di Paolo Facincani alla guida del “Marc’Antonio Ingegneri”.
Il nuovo maestro si è subito messo al lavoro sia per migliorare il suono delle voci, sia per mettere insieme qualche brano da eseguire a cappella per una miniserie di concerti primaverili dati a Verona, Lazise e Bardolino. Il risultato è stato il format EXULTATE!, una scaletta di brani corali dal Cinquecento ai giorni nostri con i quali è stato ampliato il repertorio e che ha costituito la base per successivi concerti.
Da segnalare la partecipazione a ON STAGE, rassegna corale internazionale non competitiva che quest’anno si è svolta a Verona e alla quale, oltre al “Marc’Antonio Ingegneri” hanno partecipato altre sei formazioni corali provenienti da Francia, Portogallo, Turchia e Nuova Zelanda.
Durante la pausa estiva alcuni elementi del coro hanno partecipato a Officina corale, una tre giorni di masterclass per coristi con quattro maestri di prim’ordine nell’ambito di Voce!, il festival di musica corale che si tiene a Bosco Chiesanuova divenuto ormai appuntamento tradizionale.
Il concerto clou dell’anno è stato senz’altro quello della rassegna La città in concerto all’interno de Il Settembre dell’Accademia, la prestigiosa  rassegna di musica classica organizzata annualmente dall’Accademia Filarmonica di Verona, giunta quest’anno alla 27.a edizione. Per l’occasione il Coro “Marc’Antonio Ingegneri”, accompagnato da due pianoforti, un harmonium e quattro bravi solisti, ha dato la Petite Messe Solennelle, in omaggio al grande Gioachino Rossini del quale si è celebrato quest’anno 150° anniversario della morte.
12.10.2018 - Petite Messe Solennelle (San Zeno, Verona)Come da tradizione, non sono mancate le uscite del periodo natalizio con concerti dati in provincia di Macerata ed in territorio trentino. In particolare la ‘godereccia’ uscita marchigiana ha dato modo ai coristi di trascorrere assieme due intere giornate e di rafforzare i legami d’amicizia.
Da annotare inoltre che durante il 2018 i follower della nostra pagina Facebook sono cresciuti di oltre 200 unità arrivando alla bella cifra di 649!
Il 2019 è alle porte e sarà un anno molto importante: si celebrerà infatti il 40° anniversario della fondazione del Coro “Marc’Antonio Ingegneri”, fondato nel 1979 dal maestro Arnaldo Petterlini. Il direttivo è già da tempo al lavoro per festeggiare degnamente l’evento e… no… meglio non anticipare niente altrimenti si rovinerebbe la sorpresa.
Continuate a seguirci, ci saranno novità!

Di seguito il calendario dei concerti tenuti dal coro durante il 2018, a cui debbono aggiungersi l’animazione di una S. Messa di Matrimonio e delle SS. Messe della Vigilia di Pasqua e di Natale presso la cappella dell’Istituto Suore della Sacra Famiglia a Verona in Via Fontane di Sopra:

06.01 – Magnificat, Palazzetto dello Sport – Peschiera del Garda (VR)
07.01 – Magnificat, Chiesa di San barnaba (Mantova)
17.03 – Magnificat, Santuario del Frassino – Peschiera del Garda (VR)
28.03 – EXULTATE!, Chiesa di San Domenico (Verona)
05.04 – ON STAGE in Verona, Chiesa di Santa Maria della Scala (Verona)
06.05 – EXULTATE!, Dogana Veneta – Lazise (VR)
01.06 – EXULTATE!, Chiesa di San Nicolò – Bardolino (VR)
12.10 – XXVII Settembre dell’Accademia, Basilica di San Zeno (Verona)
27.11 – Le Voci di Ezechiel, Sala Maffeiana (Verona)
15.12 – Concerto di Natale, Chiesa di S. Maria a piè di Chienti – Montecosaro (MC)
18.12 – Concerto di Natale, Duomo di Trento
26.12 – Concerto di Santo Stefano, Chiesa della Natività di Maria – Borgo Valsugana (TN)

27.11.2018 - Le Voci di Ezechiel, Sala Maffeiana, Verona